Blog, Riflessioni

RIFLESSIONI | Pachamama Intervista a THOMAS TORELLI

E’ per noi un immenso onore poter condividere questo scambio di battute e riflessioni avvenute con Thomas Torelli in merito al nuovo progetto PACHAMAMA Manifesto per i Diritti della Madre Terra.

Quello che segue, è un piccolo estratto dell’intervista completa che potrete trovare cliccando qui.

 

DSC_0008
clicca l’immagine per l’articolo completo su DEVA OLTRE IL CONFINE

Innanzitutto grazie per tutto quello che stai facendo per realizzare nel concreto Un Altro Mondo. Lo sai, ti seguo e ti stimo da molto tempo ed è proprio grazie a te, inseguendo un po’ quell’onda che tu stesso hai tracciato attraverso una vera e propria “rivoluzione dal basso”, che mi sono spinto oltre a quelli che un tempo erano per me limiti invalicabili. Insieme a Barbara Marchi e Laura, ci siamo prodigati (senza sapere come) ad organizzare serate, convegni, eventi di quello che più che essere un film – è per noi e per molti un vero e proprio motore: Un Altro Mondo. Grazie ad una vera e propria cooperazione di forze ed intenti infatti, Solo tra Verona e Vicenza con i nostri eventi sono state coinvolte oltre duemila persone… Guardando questo nuovo capolavoro nato all’insaputa di tutti e tra l’altro, sviluppatosi durante la conclusione dei lavori FoodReLovution, mi sono ritrovato di fronte ad un documentario completamente nuovo. Non ho infatti potuto non commuovermi per la profondità di alcuni argomenti: Messaggi sostenuti da riprese tra l’altro, MOZZAFIATO. Come sei riuscito mi chiedo, a tenere tutto questo materiale nascosto per così tanto tempo e cosa ti ha spunto a tirarlo fuori oggi, dandogli un impronta così legata alla Madre Terra?

Durante la realizzazione di “Un Altro Mondo” mi sono ritrovato con una quantità enorme di materiale che poi ho montato in quella che è stata la versione definitiva.

Prima di arrivarci però, avevo approntato una versione in cui la parte riguardante i popoli ancestrali era molto più prominente. C’era un problema: in questo modo nel film l’aspetto antropologico assumeva una rilevanza esagerata, mettendo in ombra la parte fisica e spirituale, e quindi rendendo meno articolata la porzione olistica. Che era poi uno dei miei obiettivi primari; ho lottato quindi col mio istinto che avrebbe voluto dare più spazio all’aspetto storico e quindi legato al rapporto Uomo – Madre Terra, ingiustizie subite dai popoli nativi, in loco di un approccio più fluido ed equilibrato.

Credo di essere riuscito nell’intento finale ma dentro di me è rimasto il germe di voler raccontare quelle realtà che avevo a cuore. Sapevo in fondo che prima o poi l’avrei tirato fuori, e il tour di Alberto è stata l’occasione.

Conoscevo così bene il materiale girato che non ho avuto grosse difficoltà a rintracciare ciò che volevo e ad assemblarlo.

 

Una pagina storica, tragica tra l’altro per i Popoli Nativi (e non solo) – nonostante questo nel nuovo documentario sei riuscito a parlare di tutto questo con una forte decisione ma senza pregiudizio o rancore, facendone trasparire l’amore incondizionato che ancora oggi i Popoli Nativi provano verso di noi “colonizzatori”. É nato prima questo Film manifesto, o il tour di Alberto Ruz? Tour che tra l’altro ad Arcugnano come in tutte le tappe é stato un successo di cui ancora oggi si parla.

Il film è nato proprio per sostenere il tour di Alberto Ruz; è il manifesto che ha ispirato il film.

Alberto mi ha chiamato qualche tempo fa per mettermi al corrente della sua iniziativa, io leggo il manifesto e rimango sbalordito nonché estremamente emozionato. Quello che voglio è farne parte, dare una mano al suo movimento. Così comincio a pensare a una maniera tangibile per aiutarlo, oltre alla condivisione. E decido di mettere in gioco me stesso e il mio lavoro. Nasce così Pachamama Manifesto per la Madre Terra. Per questo una parte degli incassi vengono devoluti al tour di Alberto, un aiuto tangibile a un’iniziativa senza precedenti.

 

Un modo così tangibile che ha dato vita non solo a questo nuovo film legato alla una raccolta fondi, ma ad iniziative, eventi, campagne di sensibilizzazione che ti auguro possano raggiungere ogni parte del mondo.. Ciò mi fa riflettere poichè questo, sembra essere il perfetto collegamento tra il tuo capolavoro precedente, e quello in prossima uscita: Food ReLOVution. Può quindi considerarsi questo il dolce ma potente “ponte” tra Un Altro Mondo e Food ReLOVution?

Assolutamente sì. Pachamama è un’appendice di Un Altro Mondo ma allo stesso tempo anticipa i temi di Food ReLOVution.

La preservazione del pianeta è uno degli argomenti centrali di Food, anzi il primo che tratteremo nel film anche dal punto di vista narrativo, e se riusciamo a capire meglio cosa ci lega a Madre Terra e come possiamo rispolverare questo legame, allora potremo davvero costruire un futuro migliore.

Per noi, la Terra e i nostri figli. Senza dimenticare gli animali.

clicca qui per leggere l’articolo completo

pachamama
Trailer del film

 

UN NUOVO APPUNTAMENTO CON THOMAS TORELLI

Il sedici dicembre a Verona, in collaborazione con LAV VERONA una data gratuita dove poter vedere il film e partecipare al dibattito con il regista Thomas Torelli

Per maggiori info puoi collegarti all’evento facebook oppure scriverci 🙂

Locandina PACHAMAMA.png

In Lak’Ech

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...