#OLTRELASCELTAVIDYANAM, Blog, Riflessioni

FOOD RELOVUTION / IL CAMBIAMENTO SIAMO NOI

Per leggere l’articolo completo clicca qui

La società moderna, proprio perché accecata dagli “importanti” successi sul piano teconologico ed industriale, si sta rendendo conto solo ora che ogni volta che in nome del “progresso” distrugge un ecosistema, attinge ad un capitale insostituibile che non appartiene all’uomo, ma alla Pachamama (Madre Terra). Riserve petrolifere in esaurimento, temperature in aumento, impoverimento delle riserve idriche, polmoni verdi che scompaiono a vista d’occhio, oceani sempre più deserti [articolo il futuro del mare è nelle tue mani ], specie animali condannate all’ estinzione

Per quanto tempo si potrà continuare con questo progresso sconsiderato e per quanto ancora l’opinione pubblica potrà credere che tutto possa essere semplicemente risolvibile cambiando una lampadina tradizione con una led a basso consumo, o con la raccolta differenziata?

 

 15940353_10211961378739164_3784616872715232375_n-720x720.jpg

UN CAMBIO DI PROSPETTIVA

A volte basta “semplicemente” cambiare prospettiva per rendersi conto di quanto Un Altro Mondo, possa essere realmente possibile a partire dalle due azioni apparentemente più semplici ed innocue: come mi rapporto con me stesso e le persone? Quali conseguenze negative o positive possono avere le mie azioni?

Azioni apparentemente innocenti, ma che possono essere determinanti per la realtà che ci circonda.

Oggi finalmente si inizia a parlare degli effetti devastanti degli allevamenti intensivi e dell’eccessivo spreco delle risorse, delle conseguenze etiche che l’attuale sistema di produzione della carne porta inevitabilmente con sé – non più rare nei mass media e nei social le immagini che smascherano quello che si nasconde dietro agli allevamenti intensivi.

Lev Tolstoj all’apice del suo percorso culturale e spirituale asseriva dopo una lunga carriera di caccia, che se i mattatoi avessero le pareti di vetro, più nessuno mangerebbe carne.

Ci si inorridisce di fronte a certe realtà ed inevitabilmente un senso di colpa travolge lo spettatore più sensibile – quanto è però giusta questa “morte” interiore? Quanto può spingere davvero al reale cambiamento di cui abbiamo bisogno e quanto può rischiare invece di portare anziché alla compassione, all’odio? Non rischiamo a lungo andare di abituarci a questo tipo di violenze come ci siamo abituati alle guerre, ai massacri, ai femminicidi? Poiché tutto diviene notizia… passa, e diventando normalità, poi cresce.

Food ReLOVution stravolge completamente il modo di rapportarsi a queste tematiche etiche, ambientali, sociali, salutari non esaltando la morte e la distruzione bensì l’altro importante aspetto che deriva da una scelta realmente consapevole: la Vita.

L’empatia e la tenerezza della vita che nasce e cresce. La forza di poter essere davvero il cambiamento di cui noi, e le prossime generazioni, abbiamo bisogno.

Il precedente lavoro del regista Thomas Torelli ruotava tutto attorno ad un concetto universale: Tutti siamo Uno – “In Lak’Ech, io sono un altro Te stesso”.  Con Food ReLOVution questo universale concetto continua, si amplifica e si espande per arrivare dritto al cuore non attraverso il pregiudizio o la condanna, ma tramite l’informazione e la constatazione innata in ogni bambino: Tutto Vive.

 

SI DA AVVIO ALLA RELOVUTION

Nessuna etichetta quindi, nessuna crociata a favore di nessuno schieramento bensì l’intenzione di mostrare al pubblico le conseguenze che inevitabilmente le industrie zootecniche e farmaceutiche portano con sé – questo che per quanto difficile da narrare, nel film mantiene una grande sensibilità e rispetto verso lo spettatore tant’è che può essere visto anche dai bambini anzi… Gaia e le animazioni di cui il film è arricchito accompagneranno lo spettatore ad un approccio morbido ma al contempo entusiasmante ed avvincente.

Screenshot-4-720x405.png

Nelle parole e nelle immagini, nelle musiche e nel forte slancio di cambiamento di cui il film è intriso, Food ReLOVution è la perfetta continuazione di Un Altro Mondo che puntando sul rispetto della madre terra, degli animali, della società e di Sé stessi, costruisce nel concreto e nel quotidiano Un Altro Mondo intendendo l’alimentazione non più come uno status symbol, ma come la conseguenza di un percorso interiore di consapevolezza che darà poi avvio al cambiamento.

Tra gli intervistati spicca il potente carisma della dott.ssa Vandana Shiva, l’umile vastità del dott. Franco Berrino, la determinazione del professore di fisica Noam Mohr, la calda opportunità della dott.ssa Marilù Mengoni, la delicata consapevolezza della scrittrice Frances Moore Lappé e la commovente speranza di Peter Singer.

Molti altri intervistati si susseguono in Food ReLOVution per trasmettere negli 85 minuti più 30 minuti di contenuti extra, che Un Altro Mondo parte prima di tutto da noi e dal nostro essere nel mondo.

 

LE PROIEZIONI

Organizzata da KIRA Oggetti dal mondo e da Associazione Culturale Vidyanam, domenica 15 gennaio a San Bonifacio la pubblica conferma di quanto questa intuizione di un approccio nuovo, sia la chiave vincente per costruire nel concreto un nuovo paradigma sociale. Non quindi basandosi sugli schieramenti e quindi sulla separazione, bensì sull’Unità e sulla ricchezza delle diversità.

Palpabile la commozione in sala per la poesia, la delicatezza e la potenza del film, lampante il legame che nel corso della serata si è creato tra il pubblico.

“Grazie Thomas del film che in modo moderato ma efficace tratta un argomento importante e delicato su cui riflettere, mio figlio ha detto che il tuo film è  illuminante!” M.T.

“Bellissimo film, ancora una volta complimenti a Thomas per aver portato un messaggio forte e importante con poesia, delicatezza e bellezza ma anche con chiarezza e determinazione” M.M.

“Il film, garbato ed insieme illuminante per la ricchezza e chiarezza dei contenuti è stato momento di informazione e formazione. Spero che possa raggiungere il maggior numero di ragazzi e di scuole perché credo sia la strada giusta: creare una nuova cultura di valore e consapevolezza. Veramente felice di aver colto l’invito  di un amico e di aver partecipato all’evento , pronta a riorganizzare il mio universo alimentare” C. P.

“E’  stato un incontro molto forte e pieno di energia. Uno scuotimento delle coscienze, di fronte al quale non è  possibile rimanere indifferenti e neppure quelli di prima…” S.D.C.

Interminabili da parte dei presenti gli applausi e le congratulazioni al regista che durante il dibattito ha saputo comunicare ad ogni persona di qualsiasi schieramento quanto Un Altro Mondo sia realmente possibile partendo dal cuore.

 

 

FOOD RELOVUTION ORA TOCCA A TE

Proprio com’è stato per il miracolo distributivo di Un Altro Mondo che partendo dall’iniziativa dei singoli nel voler condividere tra amici, parenti, colleghi, ecc, l’opportunità di iniziare un percorso diverso attraverso il quale interpretare la realtà, anche Food ReLOVution potrà avere tanto più successo quanto più le persone riusciranno a sentirsene parte.

Il sostegno del film a cui hanno partecipato oltre 600 persone attraverso la campagna crowdfunding Indiegogo, è stato un chiaro e limpido segnale di quanto l’opinione pubblica voglia approfondire queste tematiche in modo nuovo.

In questo momento così delicato della storia in cui ogni azione intrapresa dal singolo può arrivare ad avere una risonanza molto ampia, la condivisione del film attraverso le proiezioni pubbliche o diffusione dei DVD che potrai acquistare attraverso il sito unaltromondo.net, è sicuramente un grande aiuto per coinvolgere quante più persone possibili ed accelerare quindi questo processo di cambiamento.

Serate di proiezioni pubbliche [ per il calendario tener sott’occhio tramite il sito http://www.unaltromondo.net], ed ovviamente i DVD che non si fermano ai contenuti già importanti del film, ma che continuano con 30 minuti di approfondimenti extra dove Vandana Shiva, Peter Singer, Frances Moore Lappé e Noam Mohr mettono in campo altri nuovi e sorprendenti temi.

Immagine.png

Sono sicuro che grazie alla tua esperienza diretta renderai un mondo migliore per Te, per gli Altri, per gli Animali e per i tuoi figli. Grazie per la lettura a questo articolo.

“Mi piaceva pensare che i problemi dell’umanità potessero essere risolti un giorno da una congiura di poeti: un piccolo gruppo si prepara a prendere le sorti del mondo perché solo dei poeti ormai, solo della gente che lascia il cuore volare, che lascia libera la propria fantasia senza la pesantezza del quotidiano, è capace di pensare diversamente. Ed è questo di cui avremmo bisogno oggi: pensare diversamente.” Tiziano Terzani

Evviva la ReLOVution

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...